Ortocheratologia: lenti di notte e attivi di giorno!

Ortocheratologia: lenti di notte e attivi di giorno!

L’Ortocheratologia: di cosa si tratta?

L’ortocheratologia è una tecnica che permette la riduzione, la variazione o l’eliminazione di un difetto visivo come miopia, ipermetropia, e presbiopia anche associate ad astigmatismo, attraverso l’applicazione programmata di lenti a contatto durante la notte che vengono rimosse al risveglio.

Le lenti per ortocheratologia producono una riduzione temporanea del difetto visivo modificando la forma della cornea, dato che agiscono modellando delicatamente l’epitelio corneale che possiede un certo grado di plasticità. Se questo “rimodellamento” è adeguatamente controllato, è possibile variare in modo preciso il potere corneale fino a correggere il difetto rifrattivo.

Come funziona?

L’ortocheratologia è un trattamento totalmente reversibile, infatti una volta sospese le lenti in pochi giorni l’epitelio riacquisirà la forma originaria tornando al difetto refrattivo di partenza. Quando la lente per ortocheratologia è indossata si vede bene come con una lente convenzionale ma una volta rimossa la cornea mantiene la forma modificata per un certo periodo e si continua così ad avere una buona visione anche senza lenti. Il programma di trattamento prevede che le lenti per ortocheratologia possano essere indossate durante il sonno per poi essere rimosse al risveglio garantendo una visione ottimale per tutta la giornata.

Quali sono i benefici?

Questa tecnica assicura una certa libertà da occhiali e lenti a contatto rendendo più semplici tutte le attività quotidiane quali, ad esempio, studio, sport o lavoro. Inoltre la reversibilità del trattamento rende l’ortocheratologia un buon compromesso per chi vuole eliminare il proprio difetto visivo evitando la chirurgia.

Chi sono i destinatari?

Per miopi, astigmatici, ipermetropi e presbiti che non vogliono portare l’occhiale da vicino l’ortocheratologia può rappresentare un’ottima soluzione. Non tutti sono però candidati idonei per questa tecnica, ed è proprio il contattologo dopo accurate indagini, e grazie alla collaborazione con il medico oculista, a selezionare i soggetti che possono sottoporsi al trattamento ortocheratologico. Il controllo sinergico del contattologo e del medico oculista e la definizione di protocolli condivisi, che prevedono regolari e tassativi controlli, l’ortocheratologia è oggi una tecnica sicura e consolidata.

Se hai domande e vuoi saperne di più non esitare, contattaci

Rispondi